04 Ottobre 2020 · 1055 Views

L'Arco dei Pizzicotti

L'Arco dei Pizzicotti
 
 Giuseppe Conti, Firenze Vecchia, Firenze, Tipografia di S. Landi, dirett. dell'Arte della Stampa.
"Dopo la demolizione dell’arco di Santa Trinità, che si chiamava volgarmente anche l'Arco de’ Pizzicotti perchè essendo stretta la strada libertini nella folla si approfittavano per fare i pizzicotti alle donne".
 


 
Tratto da PalazzoSpinelli.org
"Nel 1823, per rendere più agevole il traffico sul lungarno, l'edificio fu decurtato della porzione che inglobava la volta detta dei Pizzicotti (un arco che giungeva fino all'Arno creando una vistosa strozzatura sui lungarni) per volere di Ferdinando III, con affidamento dell'incarico e del progetto generale all'architetto Luigi de Cambray Digny, che si avvalse di Bartolomeo Silvestri e Giuseppe Casini per le demolizioni, e di Giuseppe Cacialli e Gaetano Baccani per i lavori di ricostruzione."

 

 
Tra le note curiose è che all’angolo con il ponte Santa Trinita esisteva un famoso caffè noto come “Caffè dell’Arco” e poi “dell’Arco demolito” dove i fiorentini andavano a gustare il sorbetto al limone. L’arco è ancora molto ben visibile nella veduta di Fabio Borbottoni, conservata a Palazzo Spini Feroni.




 

Curiosità


Il Miracolo di San Zanobi


San Zanobi è un santo fiorentino e nasce all'interno della potente famiglia Girolami, questa aveva i possedimenti nella zona di via Lambertesca

Leggi ora!

Breve storia della bandiera di Firenze


Le origini di questo simbolo partono, indicativamente, dall'avvento della repubblica fiorentina intorno al 1115.

Leggi ora!

L'utopia della moda italiana


Durante il XIII e XIV secolo le mode francesi ebbero una grande influenza in Italia, e Dante si lamentava delle «sfacciate donne fiorentine», girare per le...

Leggi ora!

La Scala e la Quaresima


Questa antica tradizione scomparsa nel grande mare dell'indifferenza.

Leggi ora!

Visite guidate

Visita guidata, una mostra dove conosceremo Dante esule.
Se non hai visto in diretta il tuo webinar, hai 12 ore di tempo per vederlo. Come?
Tra religione, astronomia e panorami esclusivi, solo all'osservatorio Ximeniano